transparent

La tavolozza dei colori

Ad ogni stanza il suo colore. Le pitture murali determinano in modo sostanziale l’effetto e l’atmosfera all’interno delle vostre pareti domestiche. A seconda dell’intensità della luminosità, fanno ambiente, mascherano piccoli difetti, danno più ampiezza o creano un senso di intimità. Ogni colore pone un accento e crea un’atmosfera unica.

Crema, bianco e pastello: In ambienti caratterizzati da scarsa luminosità, ad esempio quelli con poca luce naturale, è meglio usare colori chiari. Sono poco appariscenti, riflettono la luce in entrata e ingrandiscono otticamente lo spazio. Il bianco è la pittura murale più neutra e si adatta a ogni spazio perché si armonizza con tutti i materiali. Tuttavia, il bianco, soprattutto in ambienti di grandi dimensioni, può risultare molto freddo. Le tonalità crema sono una buona alternativa: i colori pastello leggermente sfumati sono meno freddi, ma comunque ben compatibili.

Colori intensi: accenti in rosso, blu o giallo sono fantastici richiami visivi! Ma non devono occupare grandi superfici. La regola anche in questo caso è “less is more”, perché una parete sgargiante può essere una cornice perfetta per un bel quadro o un oggetto di design e suddivide visivamente lo spazio. Ma anche le tonalità forti dei tre colori primari producono effetti completamente diversi: i toni del colore rosso sono molto richiesti per le pareti, perché hanno un effetto attivante, possiedono un’aura energetica e trasmettono calore. Sono dinamici ed eccitanti, ma sanno essere anche romantici e passionali. Tutte le varianti di colore sul tema del rosso sono indicate per la pittura del soggiorno, della sala da pranzo e della stanza dei bambini. Il verde e il blu sono molto in voga. Danno un’idea di armonia e naturalezza e sono rilassanti. A seconda della gradazione, entrambe le tonalità possono rendere l’atmosfera di un ambiente sia calda che fredda. Nelle tonalità più chiare creano ampiezza. Il blu e il verde sono pitture murali rilassanti per la stanza dei bambini, il corridoio o il bagno.

Il colore nero come pittura murale richiede coraggio, ma può dare bei risultati. Se si combina il grigio scuro o il nero con il soffitto bianco, lo spazio si allarga e l’ambiente sembra più alto. Il grigio è elegante e di tendenza, si combina bene con altri colori e si armonizza perfettamente con diverse tonalità del legno.

Oltre ai colori normalmente più usati per dipingere le pareti, in versione opaca o lucida, ci sono anche interessanti tinte d’effetto. I colori cemento possono simulare l’aspetto della pietra, sono idrorepellenti e particolarmente adatti per il bagno e la cucina. Lo stesso dicasi per il colore lavagna. In questo caso la parete diventa una lavagna che si può cancellare e ridisegnare infinite volte. Dunque una soluzione indicata per la camera dei bambini o in cucina per ricette e liste della spesa!

Consiglio professionale n. 1:

All’interno di una famiglia di colori, le tinte si possono combinare: un colore primario può essere ripreso in sobrie gradazioni sulle pareti vicine. Naturalmente si possono usare anche colori complementari. Per non sovraccaricare lo spazio, è sensato prevedere sempre anche una pittura murale neutra.

Consiglio professionale n. 2:

Si comincia preferibilmente tinteggiando il soffitto, in particolare proprio gli antipatici angoli e i raccordi con le pareti. Successivamente, con il rullo, si tinteggia uniformemente il resto della superficie, prima in diagonale, poi in orizzontale e infine in verticale, sovrapponendo ogni passata a quella precedente. La tinteggiatura così sarà perfetta! ?

Scrivici